Famiglia

Dal diario di una bambina troppo occupata

Diario di una bambini troppo occupata

Maestra, sono stanchissima questa mattina perché ieri pomeriggio ho fatto tantiiiiiissime cose!

Il libro di cui vi parlo questa mattina — in piena fase 2, quando già cominciamo a mettere un piede fuori dalla porta ma l’altro ancora dentro casa — vuole farci riflettere. Riflettere su come era prima, la nostra vita frenetica e piena, e su cosa ci può aver insegnato “il tempo lento” di questo periodo insieme ai nostri puledrini. La protagonista di questo libro è Martina, una bambina dai mille impegni. Ha un diario in cui tutti i giorni scrive quello che accade nella sua rocambolesca vita. Fa il corso di danza per “acquistare grazia“,  come dice la mamma, ma vorrebbe tanto giocare a pallavolo con la sua amica Licia. Prende lezioni di pianoforte, con scarso successo, suscitando la rabbia del maestro Perotto che, tutte le volte che fa bene (MIRACOLO!), le dà delle enormi pacche sulla spalla (ouch!).

Un giorno, improvvisamente, Martina inizia a ricoprirsi di tantissimi puntini rossi e la mamma, preoccupata, la porta dal pediatra. “Sarà Varicella!” penserete voi…
Invece, dopo vari accertamenti, si scopre che la causa di questo strano fenomeno non è una malattia esantematica, bensì una reazione psicosomatica allo stress a cui è sottoposta. Mamma e papà, dispiaciuti, si rendono conto che, pur con tutte le buone intenzioni, si erano fatti prendere un po’ troppo la mano. E, finalmente, Martina potrà seguire i corsi che le piacciono e smettere di frequentare quelli che “piacciono ai suoi genitori”.

Ho voluto pubblicare questo post perché mi sono immedesimata in Martina: e ho riguardato questo periodo con uno sguardo diverso, come se questa fase di vita fosse, nella difficoltà, un periodo fortunato, per fermarci, per farci riflettere… e per accorgerci di quale sia l’ESSENZIALE, quello che non dobbiamo perdere anche a fine pandemia. Perché ci riempiamo la vita (nostra e dei nostri puledrini) di impegni? Dove veramente dobbiamo e vogliamo farli arrivare? Qual è l’essenziale che vorremmo per noi e per loro? Non è forse essere felici e sentirsi amati? E questo come possiamo davvero raggiungerlo?

Consiglio questo libro a tutte le bambine di 8-11 anni. Una bambina a cui avevo regalato questo libro, mi ha poi confessato di essersi immedesimata tantissimo nella protagonista. Il libro è pubblicato nella collana dei piccoli da Einaudi ragazzi. L’ autore è Stefano Bordiglioni e le illustrazioni sono di Grazia Nidasio.

Qua potete comprarlo https://amzn.to/3dCRJN8

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply